Scalinata panoramica sul lago di Garda

What: Caldissime giornate estive sul lago di Garda
Where: Torbole, Trento
When: Giugno 2017
Who: Mirko jaunters crew, Nicola, Elena
Why: Why not?

Inizio giugno, finalmente dopo tanti weekend di pioggia è arrivato un fine settimana di sole, e così abbiamo deciso di passare una giornata al lago di Garda. La scelta è caduta su Torbole, un comune della provincia di Trento che fa parte del Comprensorio Alto Garda e Ledro e si trova proprio sulla punta più settentrionale del lago.

La nostra idea non era quella di passare tutta la giornata a prendere il sole ma, al contrario, volevamo visitare questa cittadina e i suoi luoghi di interesse.

Arrivati a Torbole trovare parcheggio libero non è facile, quindi vi consigliamo di mettere la vostra auto nel parcheggio a pagamento in via Lungo Lago Conca D’Oro, il viale principale: vi costerà una decina di euro, ma vi assicuriamo che è il più comodo.

Da lì basta attraversare la strada ed è facilmente raggiungibile il sentiero che porta alla scalinata panoramica Busatte Tempesta.
In realtà il sentiero non è proprio ben segnalato, perciò vi spieghiamo noi come arrivarci: inizialmente seguite le indicazioni fino ad arrivare in un punto in cui, sulla destra, avete il grande parcheggio del Camping Adventure, e di fronte, il sentiero per le mountain-bike. Superate sia il parcheggio che il camping, e troverete il sentiero per la scalinata.

Il percorso prevede numerosi spiazzi panoramici dove è possibile ammirare il lago nel suo pieno splendore.

Durante il cammino vi imbatterete anche nel Piede del gigante, un tratto di montagna che presenta un’area, ampia ma ben circoscritta, dove le pietre sono tutte frantumate. Secondo la leggenda, infatti, qui vi passarono un tempo dei giganti, e con i loro piedi enormi sbriciolarono le rocce.

La scalinata panoramica è una delle attrazioni principali ed il sentiero adatto a tutti misura quattro chilometri. Lungo il percorso troverete 3 scalinate molto suggestive costruite sulla roccia per un totale di 400 scalini totali che servono a superare i salti di Corno di Bò e della Cavra.  L’intero percorso dura circa un’ora e mezza.

Tra le varie attrazioni che questo paese offre, se vi piace l’avventura vi consigliamo il canyoning.

Non distante da dove avete parcheggiato potete raggiungere la struttura Canyon Adventure, e qui trovare tour guidati di canyoning, via ferrata, fun kayak, caving.

Se invece siete persone alle quali piace camminare, non potete perdervi i forti di Nago, vicino a Torbole.
Questi forti austro-ungarici sono forse i meglio conservati del Trentino, e oggi ospitano il museo comunale.

In alternativa, se volete invece soltanto farvi una giornata a prendete il sole, allora potete tranquillamente rilassarvi nelle spiagge libere di tutto il lago ammirando il fantastico scenario naturale e lo spettacolo regalato dagli sportivi che praticano il windsurf. Questo sport, infatti, nel territorio è molto praticato perché qui il vento non si ferma praticamente mai.

Un fatto curioso è che alla mattina è più debole e proviene da nord, mentre al pomeriggio la sua direzione s’inverte, e, più forte, soffia da sud.

Se proprio vi annoiate a restare fermi, vi consigliamo di fare un bel giro a piedi per la pista ciclabile e pedonale che corre lungo l’intero lago. Scoprirete panorami davvero mozzafiato.

Tra le tante cittadine che costeggiano il lago di Garda, Torbole è di sicuro quella che più ci ha colpito. Vi consigliamo vivamente di farci un weekend, visitando tutti i suoi luoghi più caratteristici e vivendo le sue bellezze paesaggistiche.

LO SAPEVI?

camelpedia

Johann Wolfgang Goethe (1749-1832), scrittore, drammaturgo e poeta, fu uno dei più grandi letterati tedeschi del XIX secolo, una figura chiave dei movimenti culturali dello Sturm und Drang, del Neoclassicismo e del Romanticismo. Fu anche filosofo e scienziato, e per l’intero panorama europeo l’importanza che Goethe rivestì fu enorme.

Il 3 settembre 1786, a 37 anni, Goethe intraprese il suo primo viaggio in Italia, terminato il 18 giugno 1788.
Nel 1816, e poi ancora nel 1817, egli pubblicò due volumi (un terzo venne aggiunto nel 1829) dove vi sono riportate le memorie e il resoconto del suo Grand Tour. Il titolo di questa celebre opera è Viaggio in Italia.

Nel suo itinerario alla scoperta della penisola italiana, Goethe l’11 settembre è a Trento, e il 16 arriva a Verona. Il 12, tuttavia, il letterato soggiorna a Torbole, proprio la piccola cittadina che vi abbiamo raccontato in questo articolo. Ecco le parole uscite dalla penna del grande autore:

Con che ardente desiderio vorrei che i miei amici si trovassero un momento qui con me, per poter gioire della vista che mi sta innanzi! Per questa sera, mi sarei già potuto trovare a Verona; ma a pochi passi da me c'era questo maestoso spettacolo della natura, questo delizioso quadro che è il Lago di Garda, ed io non ho voluto rinunciare; così mi trovo splendidamente compensato di avere allungato il cammino. Son partito da Rovereto dopo le cinque, prendendo per una valle laterale, che versa le sue acque ancora nell'Adige. Arrivati alla sommità, si presenta in basso un ciglione scosceso e maestoso, che si valica per poi scendere fino al lago.

Commenti: